Enasarco: i contributi da versare per il 2018 e scadenze

Il pagamento dei contributi ENASARCO relativi al primo trimestre 2018 ha come termine ultimo il 21 maggio 2018 (il 20 cade di domenica), anticipato a 5 giorni lavorativi prima della scadenza per le ditte che utilizzano l'addebito automatico bancario, le quali devono confermare la distinta per evitare di incorrere in sanzioni.

Aliquote 2018 contributi Enasarco

Le aliquote contributive sono diverse a seconda che l’agente svolga l’attività in forma:
  • di ditta individuale / società di persone
    In questo caso l'aliquota 2018 (quindi per le provvigioni maturate a partire dall'1.1.2018) è fissata, nel rispetto dei minimali e massimali, nella misura del 16,00% (nel 2017 era il 15,55%) e va ripartita al 50% tra agente e casa mandante – 8,00% ciascuno;
  • di società di capitali
    In questo caso si applica un’aliquota differenziata per scaglioni, così ripartita tra casa mandante e agente:
Scaglioni
Aliquota 2018
A carico della casa mandante
A carico dell'agente
Fino a 13.000.000,00 €
4,00%
3%
1,00%
Oltre 13.000.000,00 e fino a 20.000.000,00 €
2%
1,5%
0,5%
Oltre 20.000.000,00 e fino a 26.000.000,00 €
1%
0,75%
0,25%
Oltre 26.000.000,00 €
0,5%
0,3%
0,2%

 

Massimali e minimali provvigionali per versamenti contributi Enasarco 2018

Per gli agenti che esercitano l'attività in forma individuale e in società di persone (snc/sas) i contributi sono dovuti nel rispetto dei minimali contributivi e dei massimali provvigionali, che ogni anno sono rivalutati secondo l'indice generale ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.
 
Per gli agenti che svolgono l’attività in forma di società di capitali (spa / srl) non è previsto alcun minimale / massimale.
 
Per il 2018 il massimale provvigionale è il seguente:
 
Soggetto Massimale provvigionale 2018
Agente monomandatario
(impegnato per atto scritto ad esercitare l’attività per una sola casa mandante)
37.913,00 euro
Agente plurimandatario 25.275,00 euro
 
Il contributo va calcolato fino al raggiungimento della provvigione massima annuale;
la quota che supera il limite massimo va comunque comunicata, anche se su di essa non va calcolato né versato alcun contributo. Il massimale provvigionale non è frazionabile. In caso di attività svolta in forma societaria il massimale è riferito alla società, non ai singoli soci, pertanto il contributo va ripartito tra i soci illimitatamente responsabili in misura pari alle quote di partecipazione.

Il minimale contributivo, invece, è il seguente:
 
Soggetto Minimale contributivo 2018
Agente monomandatario
(impegnato per atto scritto ad esercitare l’attività per una sola casa mandante)
846,00 euro
Agente plurimandatario 423,00 euro
 
Si ricorda che per determinare i minimali contributivi vanno considerati i seguenti principi:
  • di produttività
    Il minimale contributivo è dovuto soltanto se il rapporto di agenzia ha prodotto provvigioni, sia pure in misura minima, nel corso dell'anno. In tal caso, e cioè se almeno in un trimestre sono maturate provvigioni, dovranno essere pagate anche le quote trimestrali di minimale corrispondenti ai trimestri in cui il rapporto è stato improduttivo. L’integrazione dei contributi al minimale (differenza tra l’entità dei contributi e l’importo minimale da versare) è interamente a carico della casa mandante, che può eventualmente recuperarla dai contributi dovuti nei trimestri successivi. Se il rapporto di agenzia è rimasto “improduttivo” per tutto l'anno, il minimale contributivo non è dovuto;
  • di frazionabilità
    Il minimale contributivo è frazionabile per quote trimestrali. Pertanto, nell'ipotesi di inizio o cessazione del rapporto di agenzia in corso d'anno, il minimale contributivo va calcolato per singolo trimestre. Il versamento va effettuato moltiplicando tale importo per il numero di trimestri in cui si è svolto il rapporto di agenzia. Ciò a condizione che in almeno un trimestre siano maturate provvigioni (principio di produttività).

Termine di versamento contributi Enasarco 2018

Il versamento dei contributi va effettuato entro il giorno 20 del secondo mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre, in particolare, con riferimento alla contribuzione relativa al 2018, le scadenze sono le seguenti:
 
Trimestre Scadenza di versamento
1° trimestre 21.05.2018
(il 20 cade di domenica)
2° trimestre Aprile-Maggio-Giugno 2018 20.08.2018
3° trimestre Luglio-Agosto-Settembre 2018 20.11.2018
4° trimestre Ottobre-Novembre-Dicembre 2018 20.02.2019

 

Modalità di compilazione della distinta e versamento

Per poter pagare i contributi, la ditta deve collegarsi alla sua area riservata nel sito inEnasarco, verificare i propri mandati di agenzia e quindi generare una distinta online che contiene l’elenco dei propri agenti.
In corrispondenza della riga dell’agente interessato, va inserita la provvigione maturata nel trimestre: il sistema calcola il contributo dovuto automaticamente.

La compilazione avviene in più fasi:

  1. generazione
  2. salvataggio provvisorio
  3. ricarica e invio

1 – Nella prima fase innanzitutto vanno verificati i dati e vanno inseriti eventuali dati mancanti come le date di chiusura di rapporti  ad es. se un mandato non compare si puo fare il conferimento online;oppure per gli agenti che operano in forma di società  deve risultare l’esatta composizione societaria, in caso contrario l’agente interessato potrà aggiornarla nella propria area riservata.

2 – Una volta generata la distinta online,  va confermata per  tutti i trimestri dell’anno solare in cui l’agente matura una provvigione, anche se il contributo fosse pari a zero ( ad es. per raggiungimento del massimale). Viceversa se tutti gli agenti in un trimestre non maturano provvigioni, la distinta non deve essere compilata.
In calce alla distinta  è indicata la modalità di pagamento valida, che puo essere modificata e fissata al momento della conferma. se si scegli di utilizzare il Mav  è possibile stampare il bollettino dopo aver confermato la distinta ed effettuare il pagamento presso qualsiasi istituto di credito. Le aziende che invece intendono utilizzare l’autorizzazione di addebito devono prima attivare il Mandato Sepa presso il proprio istituto di credito eq uindi confermare la distinta almeno 5 giorni lavorativi prima della data di scadenza per consentire l'accredito in tempo utile Eventuali ritardi nell’accredito bancario automatico comportano l’addebito di sanzioni.

3 – Al termine della compilazione, che può essere salvata porvvisoriamente anche da un giorno all'altro, la distinta può essere CONFERMATA e inviata.

Con questa operazione, la ditta certifica che tutti i dati indicati sono corretti e possono essere acquisiti in via definitiva nell'archivio online. E' possibile stampare le distinte confermate; tutte quelle salvate in provvisorio ma non confermate entro la scadenza, vengono automaticamente eliminate dal sistema. Dopo la conferma, la distinta online non è più modificabile, ma può sempre essere  consultata on line.

Si consiglia di effettuare il caricamento dei dati qualche giorno prima della scadenza ad evitare rallentamenti telematici da sovraffollamento.