Distacchi e certificazioni post Brexit: le regole INPS

Per il distacco dei lavoratori nel Regno Unito di certificati A1  vanno ancora utilizzati nel periodo transitorio. Questa una delle specificazioni dell' Inps  nella la circolare 71 del 27.4.2021  sulle norme per i lavoratori distaccati  nel regno Unito sulla base  del  Protocollo in tema di  sicurezza sociale, allegato all'Accordo  TCA sugli scambi commerciali e la cooperazione tra l'Unione europea Euratome ,e il Regno Unito, .

In sostanza fino alla definitiva entrata in vigore dell'accordo con la ratifica e recepimento di tutti gli stati  , tale protocollo prevede  in molti ambiti deroghe transitorie al nuovo Accordo (articolo SSC.10 ) per cui , in tema di distacchi si conferma che :

  1. il lavoratore distaccato rimane soggetto alla legislazione dello Stato nel quale svolge abitualmente la propria attività a condizione che la durata  dell'attività non superi i 24 mesi e tale persona non  sostituisca  un altro lavoratore;
  2.  il lavoratore autonomo  si rechi a svolgere un'attività affine in un altro Stato rimane soggetoa alla legislazione del primo sempre che  la durata  non superi 24 mesi.

Di seguito la sintesi delle istruzioni operative per i distacchi illustrate dalla circolare:

Situazioni di distacco rientranti nell’accordo di recesso e validità delle certificazioni per periodi di distacco con data finale successiva al 31 dicembre 2020

In base alle previsioni contenute nel Titolo III dell’accordo di recesso  per  cittadini dell’Unione europea che esercitano un’attività subordinata o autonoma nel Regno Unito alla fine del periodo di transizione (31 dicembre 2020)  si conferma la validità delle certificazioni di distacco rilasciate per periodi di lavoro con data iniziale precedente all’entrata in vigore del TCA e con data finale successiva al 31 dicembre 2020.

Per dette situazioni di lavoro sarà possibile, alla scadenza del periodo certificato, richiedere un nuovo distacco senza soluzione di continuità

I periodi di distacco autorizzati prima dell’entrata in vigore del TCA devono essere considerati per il calcolo del periodo di distacco ininterrotto. La circolare fornisce anche alcuni esempi di applicazione

Proroga del periodo di distacco ed eccezioni

Eventuali proroghe di distacco autorizzate  anteriormente al 1° gennaio 2021 saranno valide fino a naturale scadenza.

Diversamente da quanto previsto dalla previgente normativa comunitaria, le nuove disposizio non prevedono più la possibilità di prolungare la durata ordinaria del distacco (24 mesi), né di stipulare, in determinati casi e a determinate condizioni, accordi in deroga

 Esercizio di attività in due o più Stati

per i casi di esercizio di attività lavorativa subordinata o autonoma in due o più Stati, ribadiscono quanto già previsto in materia dai regolamenti comunitari.

Le norme di applicazione sono contenute negli articoli SSCI.13 e SSCI.15 dell’Allegato SSC-7.

Pertanto le Strutture territoriali potranno continuare a rilasciare le certificazioni in materia di legislazione applicabile anche per dette situazioni di lavoro.

 Disposizioni provvisorie sui moduli e i documenti in materia di legislazione applicabile il protocollo prevede che  per un periodo transitorio la cui data conclusiva è concordata dal comitato specializzato per il coordinamento della sicurezza sociale, tutti i moduli e i documenti rilasciati dalle istituzioni competenti nel formato utilizzato nel periodo immediatamente