Colloquio disciplinare: non si puo mancare

In caso di provvedimento disciplinare, il lavoratore  che fa richiesta di essere sentito oralmente per rendere le proprie giustificazioni  non ha diritto ad un differimento dell'incontro per il colloquio  fissato dal datore di lavoro per una certa data , in particolare se adduce  una generica impossibilità di presenziare. Infatti l'obbligo di accogliere tale richiesta sussiste solo a fronte di un'esigenza difensiva non altrimenti tutelabile. Questa la conclusione della Corte di Cassazione nella sentenza n. 5314 del 2 marzo 2017.

Nel caso specifico il lavoratore aveva richiesto un colloquio difensivo oltre il termine di 5 giorni  dal momento della contestazione dell'addebito. Prima di questo termine come noto il  datore di lavoro non puo irrogare il provvedimeento disciplinare (nel caso di specie il licenziamento) per consntire al lavoratore di presentare eventuali giustificazioni del suo comportamento (art. 7 c.2 Statuto dei lavoratori) Tuttavia , il datore, a seguito di tale richiesta, aveva  convocato il lavoratore per una certa data,e questi non si era  presentato , fornendo giustificazioni mediche vaghe  e non documentate.

La Cassazione nel rigettare il suo ricorso contro il licenziamento ,  ha confermato la decisione del giudice di merito che non ha giudicato in alcun modo inadempiente il datore di lavoro . Ha inoltre precisato che  "la convocazione è evidentemente strumentale al colloquio a difesa e  non esiste alcuna norma della negoziazione collettiva, né l'art. 55 del D. Igs n. 165 2001, che preveda un  diritto del lavoratore al differimento dell'incontro".